Comincia a correre (1a parte)

Nessuno ancora ci ha messo l'occhio ma il movimento del podismo è in continua espansione, ad ogni latitudine la gente corre e riempie di presenze ogni tipo di gara,tanto che ogni città vanta e /o cerca di organizzare grandi eventi di questo tipo, insomma, un fenomeno in evoluzione.Inoltre, con l'arrivo dell'estate, molte sono le persone che cercano uno stato di forma decente, o per esibire il proprio fisico sulla spiaggia o per ovviare ai problemi  fisici, spinti magari dal proprio medico curante a fare un pò di moto.
Nonostante ci siano molte riviste specializzate ben fatte, che guidano i "podisti in erba" è possibile vedere ancora oggi un sacco di persone che hanno un approccio sbagliato a questo sport, facciamo un pò di chiarezza: prima di tutto non è vero quello che dicono certe riviste di moda o di gossip nelle loro rubriche salutistiche, cioè che per entrare in forma e avere un fisico da modelli bastano 10' al giorno di flessioni varie o camminate in centro....se si vuol avere un risultato "tangibile" bisogna avere metodo e porsi dei traguardi, per esempio voler fare 10 km in tot tempo o fare il giro tal dei tali in 50' ecc ecc, quindi bisogna cominciare a sentire i benefici già da subito, se si soffre troppo si abbandona.
 
Di conseguenza non si può cominciare a correre per 30' di seguito, per alcuni sedentari può essere un trauma, su una nota rivista del settore si parla di un inizio graduale alternando una seduta un giorno si e un giorno no, in ogni seduta si corre per 1 minuto e si recupera di passo svelto per 1 minuto, questo per un totale di 20' tutto compreso, se uno è più tonico può correre per 2' e camminare per 1', insomma...per 2 settimane almeno bisognerebbe alternare questo tipo di allenamento a un giorno di riposo "attivo", magari nel riposo si può usare la bicicletta, una seduta di ginnastica in palestra, una nuotata in piscina o anche semplicemente una passeggiata.
 
Io aggiungo una variante, nel minuto di corsa cerchiamo di avere un certo stile, un buon giro di gambe, cerchiamo di dare l'impressione a chi ci guarda di essere tonici ed elastici, primo perchè la seduta sarà muscolarmente più allenante, secondo perchè è il primo passo verso un deciso miglioramento nelle uscite successive.
 
Chiunque si metta a correre deve investire in un buon paio di scarpe tecniche, il costo di un buon paio di scarpe da running si aggira intorno agli 80 euro, ma non fatevi conquistare da alcuni discount che propongono scarpe ginniche a 15 euro, pensate magari che un dolore dovuto a certe calzature vi porterà in un centro di fisioterapia....e allora gli euro volano come le rondini a primavera. Le scarpe più usate sono quelle di categoria A3 ovvero ben ammortizzate, le più leggere lasciatele agli agonisti, se le vostre scarpe da passeggio convergono (a riposo, su un piano) verso l'interno vi servono scarpe categoria A4 (stabili), cioè con sistemi antipronazione, un buon negozio specializzato saprà consigliarvi bene, io non posso fare pubblicità....cmq, quando vedete un corridore "incallito", chiedetegli consiglio, ne saprà più di un negoziante, l'argomento scarpe è per noi secondo solo all'argomento ...donne.
 
Un accenno ai segnatempi, un orologio semplice, un cronometro digitale basta e avanza, poche decine di euro, non lasciatevi ammaliare dai GPS ( vedo  podisti con certi GPS talmente grandi che  ci si potrebbe vedere un DVD!), per un cardiofrequenzimetro aspettiamo, se a Natale si corre sempre...ce lo facciamo regalare.
 
Capitolo abbigliamento, in estate pantaloncini corti, le maglie "tecniche" lasciamole all'inverno, ci sono adesso magliette "tecniche" che giurano di espellere il sudore lasciandovi asciutti e freschi.....io corro in estate, le ho provate e ero fradicio come prima......tanto vale, per iniziare, una t-shirt di cotone buono.
 
Ora viene il bello......NO!.....NO!....e poi NO!.....al K-way, è SBAGLIATISSIMO pensare che sudare fa dimagrire, i kg persi con la sudorazione sono frutto di acqua persa, che viene reintegrata con bevute subito dopo.....anzi......sarebbe opportuno pesarsi prima di un'uscita estiva con una bilancia elettronica precisa all'hg, ripesarsi dopo l'allenamento e reintegrare il peso perso con acqua minerale entro le 2 ore post allenamento.
Questo perchè se si suda troppo si depauperano i muscoli di acqua e sali minerali e se non si rimettono entro le 2 ore i muscoli faticano a ripristinare le scorte (ci possono volere anche 3 giorni) rimanendo dolenti e affaticati; molti danno la colpa all'acido lattico ma di questo, nella corsa lenta non se ne produce che pochissimo.
 
Infine, le cuffiette, se corriamo nelle strade i pericoli sono i veicoli, meglio senza, si può avvertire un rumore di motori troppo vicino, nei parchi girano non solo podisti, ahimè...anche gentaccia, meglio senza, si può udire qualcuno che si avvicina minaccioso, si corre in compagnia, meglio senza, fa bene conversare, si corre soli....meglio senza, si è più concentrati e si migliora di più, insommma, non so se avete capito come la penso, MEGLIO SENZA CUFFIETTE.
 
Volete cominciare?
Vai così
:
lunedi         10 volte 1' di corsa alternati da 1' di camminata a passo svelto, poi ginnastica corpo libero e stretching
martedi       riposo, meglio se attivo, cioè con sport alternativi
mercoledi come lunedi
giovedi        come martedi
venerdi        15 x 1' di corsa recupero 1' di passo svelto
sabato        riposo completo
domenica    10 x 1' corsa recupero 1' passo svelto, alla fine 5' di corsa continua
lunedi         riposo attivo
martedi       8 x 2' di corsa rec 1' di passo
mercoledi   riposo attivo
giovedi       come il martedi
venerdi       10 x 1' corsa rec 1' passo svelto, alla fine 5' corsa continua
sabato       riposo completo
domenica   10 x 2' corsa rec 1' passo, alla fine 10' corsa continua.....
In bocca al lupo!
Siliano

 


Calendario Gare Atletica Vinci

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Cerca nel giornale

Chi è Online

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online